FLC CGIL Pisa

Via Bonaini, 71 - 56125 PISA

Tel. +39.050.515.245

e-mail: pisa@flcgil.it

Iscrizione on line alla CGIL
Primo maggio - periodico della CGIL Toscana
Focus Economia IRES CGIL TOSCANA
Il giornale della FLC
Banner ELABORAZIONE

FLC Toscana

Pisa

Viale Bonaini, 71 - 56125 PI [ Goole Maps Italia  ] - c/o Camera del Lavoro PI
Tel +39 050 515221 •  Fax +39 050 515203  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  • Web: http://www.flc-toscana.it/pisa

Vi informiamo che a causa del Decreto Madia sulla Pubblica amministrazione sono stati dimezzati i distacchi sindacali; questo comporta la presenza di un unico referente per il comparto scuola per ogni provincia della Toscana a partire dal 1° settembre 2014.

Perciò è necessario rivedere l'organizzazione della consulenza e le modalità di rapporto tra la struttura di Pisa e gli iscritti. Per contattarci vi chiediamo gentilmente di utilizzare prioritariamente la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. visto che potremmo essere impegnati nelle consulenze o in riunioni fuori sede. Inoltre, per meglio stabilire le priorità di risposta, vi preghiamo di definire puntualmente l'oggetto della mail.

La consulenza per il comparto scuola è riservata agli iscritti ma tuteliamo tutti coloro che si affacciano al mondo del lavoro e i precari. Per prenotare occorre telefonare allo 050 515245-00.

 A Pisa: lunedì e giovedì dalle 14,30 alle 17,00.

A Pontedera (al secondo piano di Via Sacco e Vanzetti, 33):
venerdì dalle ore 15.00 alle ore 17,00.
 
A S. Croce sull'Arno (in via Vettori, 25):
il secondo e quarto martedì del mese dalle ore 15,00 alle ore 17,00.
 
A Volterra (in Piazza XX Settembre, 19):
il primo mercoledì del mese dalle ore 15.00 alle ore 17,00.
 
Se avete bisogno di un appuntamento al di fuori degli orari indicati potete inviarci la vostra richiesta tramite mail.
 
Referenti Flc Cgil Pisa
Mimma Lai: Scuola statale.
Pasquale Cuomo: Università, Ricerca, Scuola non statale.
 


 

Elezioni RSU al CNR di Pisa: il gioco dell'oca

Ecco il programma sintetico della Flc Cgil per le elezioni RSU al CNR di Pisa. Esso descrive il "gioco dell'oca" che rappresenta la vita nel CNR di Pisa. Dall'accesso all'Area e la vita in comune, alla gestione dei progetti di ricerca; dal riconoscimento e valorizzazione dei precari, allo sblocco contrattuale e scorrimento.

Attachments:
Download this file (Flc_Cgil_giocodell'oca.pdf)Flc_Cgil_giocodell'oca.pdf1225 Kb

Precari scuola: l’Europa apre le porte alla stabilizzazione

Video intervista a docente precario - LA7 - L'aria che tira

La Corte di Giustizia Europea sbarra la strada al lavoro precario. Docenti e Ata della scuola con più di 36 mesi di servizio hanno diritto all’assunzione. È una svolta storica per i tanti precari di tutto il pubblico impiego. La soddisfazione della FLC CGIL impegnata sin dal 2010 in questa vertenza.

Incontri di consulenza collettiva graduatorie d'istituto personale ATA

Abbiamo organizzato alcuni incontri di consulenza collettiva per fornire le indicazioni principali sulla compilazione delle domande, da presentare in modalità cartacea, entro l'8 ottobre 2014. Per la partecipazione vi chiediamo gentilmente di prenotarvi chiamando lo 050515245 oppure lo 050515200.

Festa CGIL Pisa 'Per l'Europa del Lavoro'

Giovedi 18/09/2014 Calcinaia (PI) - Parco della Fornace - ore 21
Si terrà a Calcinaia, nel Parco della Fornace, dal 18 al 21 settembre la seconda festa provinciale della CGIL di Pisa dal titolo 'Per l'Europa del Lavoro'. Alla giornata di apertura, giovedì 18 settembre, alle ore 21, sarà presente il Segretario Generale della CGIL Susanna Camusso, la quale sarà intervistata dalla giornalista de 'l'Unità' Bianca di Giovanni. Per i dettagli del programma rimandiamo al volantino (link di seguito)

Per il rinnovo dei Contratti collettivi nazionali

Il direttivo nazionale della FLC Cgil del 10 e 11 Settembre 2014 giudica inaccettabile l'annunciata reiterazione del blocco della contrattazione collettiva e degli scatti stipendiali. La scelta di puntare ancora e ostinatamente su una riduzione generalizzata della spesa pubblica che grava prima di tutto sui lavoratori come strategia di politica economica ha già dimostrato di essere fallimentare. Piuttosto è di tutta evidenza la centralità del lavoro nella ripresa europea dove proprio la pressione competitiva sui salari sta aggravando la recessione, uccidendo la domanda e spingendo l’Europa verso la deflazione.
Ostacolare l'azione del sindacato nei nostri settori è funzionale a questa coerente quanto scellerata opera di riduzione della spesa pubblica che non si trasforma in investimenti ma si sostanzia nell'arretramento del ruolo dello stato nel garantire diritti di cittadinanza attraverso un welfare universalisitico.
Il blocco della contrattazione e degli scatti stipendiali che causa una progressiva riduzione dei salari mortifica e umilia il lavoro di milioni di dipendenti pubblici e tra questi delle lavoratrici e dei lavoratori della conoscenza negandone l'apporto alla collettività.
Ciò avviene mettendo in scena, con una sapiente operazione mediatica, una presunta contrapposizione tra l'interesse dei cittadini e della comunità con quello dei lavoratori pubblici e dipingendo il sindacato come un ostacolo alla modernizzazione.
Peraltro questo racconto mediatico nasconde le vere ragioni della crisi italiana da ricercare non certo in un eccesso di spesa pubblica che non c'è ma nel fatto che quando si era reso necessario un salto di qualità del nostro sistema produttivo per creare maggiore ricchezza abbiamo ripiegato su una politica di deflazione salariale e su una selvaggia precarizzazione del lavoro. L' obiettivo era quello di sostituire il vantaggio della svalutazione competitiva con la compressione del costo del lavoro piuttosto che aumentare la produttività puntando su investimenti pubblici diretti in istruzione, ricerca e innovazione tecnologica. Il problema semmai è la concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi e la qualità della spesa pubblica .
Oggi dobbiamo determinare una inversione di rotta partendo dal rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro che non a caso, in quanto strumento solidaristico e di tutela diffusa, sono sotto attacco da parte delle politiche neoliberali in Italia e in Europa. Queste ultime puntano, infatti, alla cancellazione di questo fondamentale strumento di emancipazione del lavoro e redistribuzione della ricchezza per sostituirle con un peculiare tipo di contratti aziendali più vicini ad atti unilaterali dei datori di lavoro che a processi negoziati.
Nei settori pubblici, in particolare in quelli della conoscenza, serve conquistare una nuova dimensione
negoziale che superi definitivamente la fallimentare legge 150 e ripristini il fondamentale rapporto tra
contrattazione e organizzazione del lavoro, tra contrattazione e sviluppo professionale, tra contrattazione e riconoscimento dell'autonomia della persona. Dobbiamo riaffermare il diritto alla carriera inteso come diritto all'affermazione di se stessi nel lavoro non in competizione con gli altri ma cooperando nel complesso processo di produzione e riproduzione della conoscenza e della ricerca che caratterizza i nostri settori.
Il direttivo nazionale della FLC Cgil è a fianco delle lavoratrici e ai lavoratori che si battono contro lo
scippo del salario conseguente a interventi scomposti e giuridicamente infondati da parte del ministero dell'economia e delle finanze e impegna l'organizzazione a mobilitarsi contro un processo di erosione delle funzioni negoziali e dell'autorità salariale del sindacato che sta riportando il mondo del lavoro pubblico indietro di decenni.
Il direttivo nazionale della FLC sottolinea che esistono anche innegabili motivazioni di carattere
macroeconomico per il rinnovo dei CCNL nei settori pubblici e per lo sblocco della contrattazione decentrata essendo ormai chiaro che il contenimento salariale ha penalizzato la domanda interna, contribuendo al tracollo del nostro sistema produttivo e all'aumento della disoccupazione dentro una dinamica deflattiva generale.
Il direttivo nazionale della FLC CGIL ritiene pertanto inaccettabile un ulteriore blocco della contrattazione nei settori della conoscenza e in tutto il pubblico impiego e pertanto dà mandato alla segreteria nazionale di verificare in tempi brevi la disponibilità delle altre organizzazioni sindacali a mettere in campo tutte le iniziative necessarie fino allo sciopero generale per modificare la posizione del governo sui CCNL pubblici e lo scippo del salario accessorio e delle carriere che avviene attraverso la manomissione della contrattazione integrativa.

La FLC Cgil, se il percorso unitario non dovesse concretizzarsi, è pronta a procedere comunque con la stessa determinazione per raggiungere l'obiettivo del rinnovo dei contratti, dello sblocco degli scatti stipendiali e del ripristino di una vera contrattazione integrativa.

Matematica croce e delizia

Giovedì 19 Marzo 2015, Ore 04:00 - fino a Giovedì 16 Aprile 2015, Ore 07:00

DUE INCONTRI ORGANIZZATI DA PROTEO FARE SAPERE ======================== 19 MARZO 2015, ore 16.00 Misurare lo Spazio con il Tempo - Proprietà sorprendenti e straordinarie applicazioni tecniche di una grandezza evanescente Condotto dal prof. Franco Gori dell’Università di Firenze, per i docenti di Matematica e gli studenti del triennio delle Scuole Secondarie di II grado “amanti” della Matematica Scommesse sportive e statistica ======================== 16 APRILE 2015, ore 16.00 Scommesse sportive e statistica Condotto dal prof. Nazario Renzoni, docente di Matematica presso l’IISS “Gobetti- Vol-ta” di Bagno a Ripoli per i docenti di Matematica e gli studenti del triennio delle Scuole Secondarie di II grado “amanti” della Matematica ======================== I dettagli nel volantino

Dove: Istituto ITCG Calamandrei

DISSESTO GEOLOGICO, LAVORO, NUOVO MODELLO DI SVILUPPO

Martedì 31 Marzo 2015 - ore 09:30 - fino a ore 14:00

Dalla tutela del territorio alle nuove forme del costruire || Ore 9.30 - Interventi di: | Prof. Nicola Casagli, Geologo | Prof. Alberto Magnaghi, Urbanista | Dott.ssa Patrizia Lattarulo, IRPET | Dott. Mauro Chessa, Fondazione Geologi della Toscana | Arch. Raffaele Cecchini, Federazione Ordini degli Architetti Toscana. Coordina gli interventi Alessandro Rapezzi, FLC CGIL Toscana || Ore 12.00: Tavola Rotonda: “quale l'iniziativa possibile per il territorio”. Partecipano: | Anna Marson, Assessore Regionale all'Urbanistica | Andrea Ceccarelli, Consigliere Delegato Città Metropolitana Firenze | Fausto Ferruzza, Presidente Legambiente Toscana | Marco Benati, Segretario Fillea-CGIL Firenze. Coordina Mauro Fuso, Segretario Camera del Lavoro di Firenze. Al termine è previsto un piccolo buffet per i presenti Sarà rilasciato attestato di partecipazione, essendo l’iniziativa organizzata da soggetto qualificato per l’aggiornamento (DM 08.06.2005) Dettagli nel volantino (immagine dell'evento). DST - Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Firenze Proteo Fare Sapere Firenze CGIL Firenze — FLC CGIL Firenze — Fillea Cgil Firenze

Dove: Aula Magna del Rettorato dell'Università degli Studi di Firenze

 
Segui il canale della CGIL Toscanahttp://www.youtube.com/CgilToscana