Il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle Donne, la FLC di Ateneo aderisce alla mobilitazione contro la violenza di genere, per condannare e fermare tutti gli atti morali e materiali che opprimono la libertà delle donne, giungendo spesso alla loro soppressione fisica.

Nella mattinata del 25 novembre, la FLC CGIL esporrà uno striscione rosso sulla facciata di Piazza S. Marco e invita tutti i lavoratori e le lavoratrici a indossare, quale segno evidente di adesione alla mobilitazione, un capo di abbigliamento rosso.  
Saranno inoltre promossi momenti di riflessione collettiva nei luoghi di lavoro. Ci fermeremo simbolicamente per alcuni minuti, tra le 10.30 e le 11.30, e ci ritroveremo per esprimere la nostra condanna contro la violenza sulle donne e il femminicidio, attraverso la lettura di poesie, brani, canzoni, ecc. I lavoratori e le lavoratrici potranno portare il proprio contributo.

Sono attualmente previste due iniziative, a partire delle 10.30:

  • nell’atrio di Piazza S. Marco
  • nell’atrio del NIC – Careggi al padiglione 3

I lavoratori e le lavoratrici sono invitati a organizzare momenti analoghi nella proprie sedi di lavoro, stimolando la partecipazione di tutti colleghi.

Invitiamo inoltre il personale docente a dedicare all'argomento uno spazio di riflessione all'interno della propria lezione.

 

Logo Vive Le Donne


Secondo fonti statistiche ONU,
una donna su tre al mondo
è stata picchiata, forzata ad avere
rapporti sessuali o ha comunque subito
abusi almeno una volta nella sua vita.
Solo quest’anno in Italia si sono già
contate più di 100 donne uccise dalla
violenza maschile, oltre 120 nell’anno passato.

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE
E’ UNA SCONFITTA PER TUTTE/I

365 giorni all’anno: No alla violenza alle donne!

CGIL TOSCANA
NOTA STAMPA

 

I CORAGGIOSI "BLITZ" SITUAZIONISTI DI CHI È IN CERCA DI PUBBLICITÀ FACILE.

Firenze 17.12.2013.- Tanto per smentire le affermazioni di tutti i media sulle infiltrazione dell'estrema destra nei movimenti "spontanei" dei cosiddetti "Forconi", non bastassero gli striscioni in carattere runico e i cori sulle note di "Boia chi molla è il grido di battaglia" come quello intonato giovedi 12 sotto il consiglio regionale a Firenze, "Casaggì" e "Fratelli d'Italia" rivendicano di aver appeso davanti al garage della CGIL toscana uno striscione in cui si accusa il sindacato di essersi arreso e di aver criticato il movimento soprarichiamato.

​Via Pier Capponi 7, 50132 Firenze · firenze@flcgil.it · tel. +39 055 5036 249 | http://www.flcfirenze.it - http://www.facebook.com/flc.cgil.firenze

Cerca nel sito