Il Comitato degli Iscritti della Federazione dei Lavoratori della Conoscenza (FLC) CGIL dell’Università di Firenze riunito in data 12 aprile 2012 esprime il suo più fermo dissenso dal Comunicato della Segreteria Nazionale CGIL del 5 aprile u.s., che in una prima valutazione del DdL del Governo Monti sul Mercato del lavoro sostiene che sarebbe stato riconquistato lo strumento del “reintegro” nel caso di licenziamenti economici illeciti e sarebbe stata scongiurata la pratica dei licenziamenti facili ad indennizzo economico, che Governo e Confindustria intendono introdurre.

riformapensioni

Le misure previdenziali adottate dal Governo Monti sono del tutto improprie ai fini della crescita economica del Paese e assolutamente ingiustificate dalla situazionespecifica del settore pensionistico pubblico. Il saldo attivo dell’INPS è, secondo l’ultimo dato disponibile del 2009, di ben 27,6 miliardi di euro.

Dovrebbero preoccupare il Governo le previsioni di un forte calo della copertura pensionistica, che prepara una crisi sociale devastante. Al contrario il Governo Monti si è preoccupato esclusivamente di far cassa e di smantellare la previdenza pubblica, alla quale sarà sempre più difficile accedere: i requisiti sempre più severi mal si conciliano con precariato e redditi medio-bassi. Il trattenimento in servizio di tanti lavoratori, con la cancellazione delle pensioni di anzianità e l'innalzamento dei requisiti anagrafici anche oltre i 70 anni, suona poi come irrisione nei confronti della massa crescente di giovani disoccupati. 

​Via Pier Capponi 7, 50132 Firenze · firenze@flcgil.it · tel. +39 055 5036 249 | http://www.flcfirenze.it - http://www.facebook.com/flc.cgil.firenze

Cerca nel sito