I  dirigenti scolastici della Toscana, riuniti nell’assemblea unitaria convocata da ANP CIDA,  CISL SCUOLA,  FLC CGIL, SNALS CONFSAL, UIL SCUOLA, svoltasi presso la sede della Cisl di Firenze il 13 novembre 2014, preso atto delle comunicazioni delle OO.SS. in merito al taglio del Fondo Unico Nazionale e della conseguente riduzione delle retribuzioni dei dirigenti, convergono sulla richiesta unitaria dei sindacati del 20 ottobre 2014. In particolare:

    1) respingono la logica della penalizzazione, anche in forma retroattiva, della dirigenza scolastica,  sulla quale gravano carichi di lavoro crescenti; ritengono che lo stipendio del dirigente scolastico, su cui convergono enormi responsabilità, debba essere salvaguardato almeno nelle forme e nelle dimensioni fissate al momento del congelamento della contrattazione nel settore pubblico.
    2) rilevano la contraddizione rispetto alla proclamata volontà di valorizzare la Scuola, contenuta nel recente documento governativo denominato LA BUONA SCUOLA
    3) convergono sulla dichiarazione dello stato di agitazione ed impegnano le Segreterie Nazionali delle Organizzazioni Sindacali a mettere in campo iniziative di lotta adeguate alla gravità dei problemi, indicando la necessità di promuovere una manifestazione nazionale, e, in aggiunta, una serie di manifestazioni regionali, indicando, per la Toscana, l’opportunità di svolgere manifestazioni e presidi, anche reiterati,  presso la sede dell’USR e delle Prefetture, organizzate nelle stesse date.
    Accanto alla manifestazione, l’assemblea dei DS indica la necessità di promuovere forme di lotta non convenzionali, ma capaci di dare più visibilità presso l’opinione pubblica delle problematiche della dirigenza scolastica, incaricata di gestire l’autonomia funzionale della Scuola, costituzionalmente sancita, senza la disponibilità delle risorse necessarie.
    I dirigenti richiedono a breve un confronto, il più possibile unitario, che affronti i problemi della perequazione interna e del ruolo della dirigenza unica rafforzando le forme di pressione, per definire azioni coerenti e significative su problematiche fattuali che possono essere in tal modo portate avanti.

    Per questo motivo e per quanto emerso nella discussione i dirigenti riuniti propongono, nella fase della contrattazione regionale, di inserire una clausola di salvaguardia che rimandi alla riapertura del contratto in seguito alle conseguenze della sentenza TAR, qualora favorevole alle istanze dei dirigenti.

    L’assemblea, infine, invita le Organizzazioni Sindacali ANP CIDA, CISL SCUOLA, FLC CGIL, SNALS CONFSAL, UIL SCUOLA, rappresentative della categoria e firmatarie dei contratti di lavoro, a mantenere e sviluppare l’unità politica e di azione che ha portato alla convocazione delle assemblee regionali in corso in tutta Italia, dando loro mandato di avviare nel contempo il contenzioso dinnanzi al TAR per impugnare l’illegittimità della determinazione del FUN.

    17 novembre 2014

    L’Associazione Professionale Proteo Fare Sapere Toscana e la FLC CGIL Toscana organizzano un seminario di formazione rivolto ai Dirigenti Scolastici e ai Direttori sga sul tema: LA SITUAZIONE DI INIZIO ANNO SCOLASTICO: NOVITA’, PROBLEMATICHE, CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO
    Gli interessati potranno scegliere tra le sedi seguenti:

    • a Pisa il 29 settembre 2014, dalle ore 09.30 alle 13.00, presso il Salone F. Baroni della Camera del Lavoro, Viale Bonaini 71;
    • a Firenze il 29 settembre 2014, dalle ore 15.00 alle 18.30, presso l’Aula Magna dell’ISIS Leonardo Da Vinci, Via del Terzolle 91.

    Segnaliamo che saranno organizzati altri due seminari analoghi nel sud della Toscana entro la metà di ottobre

    Il 25 marzo 2014 i dirigenti scolastici della Toscana coinvolti nell’assurda vicenda dell’annullamento parziale del concorso hanno tenuto un sit in (indetto da FLC CGIL, CISl Scuola, UIL Scuola e ANP Cida) davanti al MIUR per denunciare la loro estraneità alla vicenda dell’annullamento di parte delle procedure concorsuali e per chiedere al Ministro ed al Governo una soluzione idonea a garantire la continuità dei servizi scolastici e la salvaguardia dei loro diritti. Il Ministro Giannini ha incontrato le OO.SS. e i dirigenti scolastici della Toscana coinvolti nell’annullamento del concorso: nel prossimo Consiglio dei Ministri verrà approvato un decreto legge che mantiene i dirigenti scolastici nelle loro funzioni fino alla ripetizione di parte del concorso. Continua la mobilitazione per assicurare un esito pienamente positivo della vicenda.

    Leggi l'intero articolo sul sito della FLC nazionale

    Pagina 2 di 2

    Iniziative Proteo Fare Sapere Toscana

    ​Via Pier Capponi 7, 50132 Firenze · toscana@flcgil.it · tel. +39 055 5036 249 http://www.flc-toscana.it - https://www.facebook.com/FlcCgilToscana

    Cerca nel sito